Ocurréncia - Libri, cinema, arti, biografie ed attualità | Clicca per tornare alla home page

> OCURRÉNCIA

> ARCHIVI

> IN EVIDENZA

giovedì, novembre 27, 2003


LILLI JAHAN

È uscito da poco, ha commosso e stordito la Germania, in Italia lo pubblica Rizzoli e se siete fortunati lo trovate in sconto promozionale. Sto parlando di "Lilli Jahn. Il mio cuore ferito. Lettere di una madre dall'Olocausto" di Martin Doerry. Il libro racconta, attraverso la ricostruzione storica di un lungo e sofferto carteggio, il tragico destino di Lilli Jahn, nata nel 1900 a Colonia da una famiglia della borghesia liberale ebraica e morta nel campo di concentramento di Auschwitz. Donna colta, emancipata e raffinata Lilli, dopo la laurea in medicina, sposò il medico protestante Ernst Jahn, dal quale ebbe cinque figli. Nel '42, al culmine delle persecuzioni naziste, il marito, innamoratosi di una collega, le chiese il divorzio e l'abbandonò in balia dell'orrore nazista.
"Nel 1943 la donna viene internata nel campo di lavoro di Breitenau; nel 1944 arriva ad Auschwitz, dove ben presto muore di stenti. Nel corso degli ultimi terribili anni, Lilli non smette mai di corrispondere con i figli: il loro carteggio, miracolosamente scampato alla distruzione e conservato nel tempo, viene finalmente pubblicato in Germania nel 2002 restituendoci una testimonianza eccezionale di amore e di coraggio, oltre a offrire un tributo a tutte le vittime dell'Olocausto."
Una storia terribile e indimenticabile, stretta al nodo di un momento storico sanguinoso ed impazzito, marchiato a fuoco dalla guerra più devastante e miserabile di tutti i secoli europei.


 


> PENSATE LINK-OLÀ



Immagine di bimbo che saluta. Ciao e a presto!

ocurréncia
Il contenuto di questo sito è protetto da
Creative Commons License